Bio

Marco “Puglia” Puglisi inizia a suonare punk e rock’n’roll durante la high school nell’assolata provincia di Imperia nella Liguria di (estremo) ponente; dopo aver fondato e sciolto un numero imprecisato di oscure formazioni, decide di mettersi in proprio e suonare una miscela di garage e lo-fi pop col moniker di A Morning Loss. In questa prima fase il suo sound si caratterizza per una sfrontata amatorialità esecutiva e da liriche dadaiste e situazioniste. Pubblicati i primi esperimenti di quest’arte profana, ovvero “The Shit Document” del 2011 e “LOOKUPEP” del 2012, entrambe autoprodotti, decide di ampliare la formazione a trio per assestarsi su un sound smaccatamente power-pop, ispirato da gruppi losangelini come 20/20 e Paul Collins’ Beat, dalla smisurata effervescenza chitarristica e armonie vocali mutuate dal merseybeat. Unica uscita in questa veste è il “Mazes” EP del 2016, prodotto da Party Tonite e corredato dalle grafiche esotiche di Moriah INK; soggetto della copertina è la chanteuse Francoise Hardy, una delle eroine del nostro. Alternando momenti improduttivi ad un’intensa attività live in giro per il nord Italia, nel 2018 arriva la proposta della Cooperativa Sociale La Fenice Onlus di collaborare a un disco dai toni più maturi, che presenti Puglia nelle vesti di un autore più calmo, dalle difformità smussate. Così nasce “Johnathan Richmans’ Smile”, disco di otto tracce che cita le più svariate e distanti influenze, dagli XTC ai Church fino a Todd Rundgren, con l’intento di promuovere l’attività sociale (minori in difficoltà) della cooperativa, avvicinando i ragazzi alla tanto vituperata bibbia del rock’n’roll.